N. 13 - gennaio-giugno 1997

Informazioni
Pubblicazione periodica semestrale del ccbc della Provincia di Viterbo

 

N. 13 - gennaio-giugno 1997


inform13.jpg (5990 byte)

 

Informazioni

Nuova serie - Anno VI,  n. 13

gennaio-giugno '97

Segreteria di redazione
G. Cerica, L. Mattioli, F. Ricci.

Grafica e impaginazione
G. Cerica

Stampa
Tipolitografia Agnesotti - Strada Tuscanese Km. 1,700 -
01100 Viterbo
Tel: 0761/ 251025 - 251026

Sommario

 

La via Francigena: storia di un itinerario, itinerario della storia

Fulvio Ricci

 

Prima della "Francigena"
Luciano Santella

PRIMA DELLA FRANCIGENA
L.Santella
____

Presupposto di partenza: la via Francigena è solo un episodio medioevale e toscano nella storia delle comunicazioni tra Roma e il nord italiano ed europeo.

Ipotesi di lavoro: verificare l'esistenza di un percorso primario nel vasto territorio delimitato dalla costa medio-tirrenica e dai corsi dei fiumi Fiora, Paglia e Tevere.

Scopo dell'indagine: conoscere l'evoluzione delle vie di comunicazione nella Tuscia, fino al consolidamento della direttrice "Cassia".

Metodo della ricerca: ricostruzione diacronica dei percorsi dalla Preistoria all'Alto Medioevo.

BEFORE THE FRANCIGENA ROAD
L.Santella
____

Starting assumption: the Francigena road is just a Tuscany medieval event in the history of communications between Rome and the north of Italy and Europe.

Working plan: we want to check the existence of a primary way in the wide land bounded by the course of the rivers Fiora, Paglia and Tiber and the middle-Tyrrhenian coast.

Aim of the research: we want to know the development of the ways for communication in Tuscia, until the consolidation of the guiding road Cassia.

Method of research: a diachronic reconstruction of the routes from the prehistoric period to the early Middle Ages.

Lineamenti geopetrografici del territorio della provincia di Viterbo
Novella Brizi - Claudio D’Ambrosi

LINEAMENTI GEOPETROGRAFICI DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI VITERBO
N. Brizi - C. D'Ambrosi
____

Presentazione dei bacini sedimentari.
Ricostruzione schematica della vulcanologia dell'apparato cimino formato da domi ignimbritici, lave e domi quarzolatitici.
Ricostruzione schematica della vulcanologia dell'apparato vulcanico vicano la cui attività si è impostata sulle pendici sud occidentali del monte Cimino.
Ricostruzione schematica della viulcanologia dell'apparato vulsino: un vulcanesimo areale con luoghi di effusione numerosissimi e distribuiti in tutta la zona interessata da tale fenomeno: da Viterbo a Pitigliano e Orvieto, dalla valle del Tevere a Montalto di Castro e Vulci.

GEOPETROGRAPHICAL OUTLINES IN THE AREA OF THE PROVINCE OF VITERBO
N. Brizi - C. D'Ambrosi
____

A description of the sedimentary basins is given.
A schematic reconstruction of the vulcanism in the Cimino hills which consist of ignimbrites, lavas and quarz-latitic domes.
A schematic reconstruction of the vulcanism in the vican group whose activity has settled in the south west slopes of the Cimino mountain.
A schematic reconstruction of the vulcanism in the Volsini group: a volcanic area with many effusive places spread all over the area involved in that phenomenon: from Viterbo to Pitigliano and Orvieto, from the Tiber valley to Montalto di Castro and Vulci.

Utilizzazione del territorio nel Lazio centro settentrionale
Lucia Pacini

UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO NEL LAZIO CENTRO SETTENTRIONALE
Lucia Clara Pacini
____

Centro particolarmente ricco di opere di canalizzazione, di mulini, di orti, e, nei suoi dintorni, di seminativi adibiti a colture sapientemente scelte ed associate, Viterbo indirizzò la propria economia in attività legate all’ingente patrimonio idrico che la contraddistinse. Il tutto nel più ampio quadro di una regione la cui fisionomia viene riferita non solo alle caratteristiche morfologiche del territorio, ma anche alle alterne vicende storiche e politiche di cui fu teatro nel Medioevo.

THE USE OF THE TERRITORY IN UPPER CENTRAL LATIUM
Lucia Clara Pacini
____

Viterbo was particularly rich in canalization works, mills, gardens and, in its environs, fields used for sensibly selected and combined crops. The town directed its economic development towards activities linked with the thick abundance of water. We must see all that in the wider picture of a land whose complexion depends both on the morphological aspect of the land, and the different historical events which occurred during the Middle Ages.

La Via Francigena: Videolibro interattivo sulle tappe del pellegrinaggio da Canterbury a Roma
Graziano Cerica - Carlo Prugnoli

 

La Via Francigena, ideologia di un percorso: iconografia e pellegrinaggio
Fulvio Ricci

LA VIA FRANCIGENA, IDEOLOGIA DI UN PERCORSO...
Fulvio Ricci
____

I principali temi iconografici lungo le vie di pellegrinaggio: dalle atmosfere spaventose ai dettagli raccapriccianti come la Danza macabra, il trionfo della morte, l'incontro dei tre vivi e dei tre morti, ai motivi desunti dalla passione e morte di Cristo con la loro funzione chiaramente devozionale e ammonitoria, al tema dell'Epifania o Adorazione dei Magi, ideali precursori di pelllegrini medioevali.

Analisi di un affresco (fine sec.XIV, inizi XV sec.) nella chiesa di S.Flaviano a Montefiascone: Cristo protettore delle arti e dei mestieri.

THE FRANCIGENA ROAD, AN IDEOLOGY FOR A ROUTE...
Fulvio Ricci
____

The main iconographical themes along the pilgrims routes are many: frightful atmospheres, gruesome details such as the "Dance of death", the triumph of death, the encounter of the three living and the three dead, the subjects derived from Christ’s passion and death, with their devotional and warning role, the theme of Epiphany or adoration of the three Magi, who were ideal forerunners of the medieval pilgrims.

Analysis of a fresco (end of the 14th century - beginning of the 15th century) in the church of St. Flaviano in Montefiascone: the Christ, patron of arts and crafts.

L’accoglienza nella città di Viterbo
Luisa Mattioli - Maria Emilia Naglia

L'ACCOGLIENZA NELLA CITTÀ DI VITERBO
L. Mattioli - M.E. Naglia
____

Cenni storici sugli ospizi medioevali e la città di Viterbo. I graduali mutamenti, nel corso del Medioevo, delle forme di ospitalità: da quella gratuita offerta dai privati e dalle istituzioni religiose alla sua commercializzazione con l'affermarsi delle taverne e delle locande.

Brevi note sullo Statuto dell'arte dei Tavernari ed Albergatori di Viterbo dell'anno 1473. 

THE HOSPITALITY IN THE TOWN OF VITERBO
L. Mattioli - M.E. Naglia
____

An historical outline of medieval hospitals in the town of Viterbo. The transformations step by step during Middle Ages of the forms of lodging: from the one which private citizens and religious orders gave free to the commercialization of it with the spread of taverns and inns.

A short account of the Statute of the art of innkeepers in Viterbo in 1473.

Il viaggio e il rito
Marcello Arduini

IL VIAGGIO E IL RITO. NOTE SUL PELLEGRINAGGIO DI S. VIVENZIO
M. Arduini
____

Note sui principali temi del pellegrinaggio.

Il culto di San Vivenzio a Blera ed il suo pellegrinaggio alla grotta di Norchia il lunedì di Pasqua e la seconda domenica di maggio.

Problematiche del culto micaelico nella Tuscia.

Pellegrinaggi di primavera.

Sposalizio dell'albero a Vetralla.

THE JOURNEY AND THE RITUAL. AN OUTLINE OF THE PILGRIMAGE TO ST. VIVENZIO
M. Arduini
____

An account on the main themes of the pilgrimage.

The devotion to St.Vivenzio at Blera and the pilgrimage to the cave of Norchia on Easter Monday and in May, on the second Sunday.

Problems concerning micaelic worship in Tuscia.

Spring pilgrimages.

The "Wedding of a tree" in Vetralla.

La via Francigena nell’area viterbese e cimina
Francesco Maria D’Orazi

LA VIA FRANCIGENA NELL'AREA VITERBESE E CIMINA
F.M. D'Orazi
____

Ricostruzione storica della variante montana o cimina che da Viterbo attraverso Ronciglione convergeva su Sutri per poi giungere a Roma.

Fattori che privilegiarono, dal X secolo in poi, il tracciato montano.

Ronciglione e la via Francigena.

Chiese ed ospizi nell'area del Cimino con particolare attenzione al Santuario di Sant'Eusebio.

THE FRANCIGENA ROAD IN THE AREA OF VITERBO AND CIMINA
F.M. D'Orazi
____

A historical reconstruction of the mountain or "cimina" variant for Rome which led to Sutri from Viterbo, going through Ronciglione.

The factors which inclined people to prefer the mountain lay-out starting from the 10th century onwards.

Ronciglione and the Francigena road.

Churchs and guest-houses in the Cimino region, with a particular glance at the Sanctuary of St.Eusebio.

Note sulla via Ciminia
Stefano Francocci - Dario Rose

NOTE SULLA VIA CIMINIA
S. Francocci - D. Rose
____

Analisi storico-archivistica e ricerca sul campo di un tracciato di età romana noto come Ciminia o Cimina affiancato alla direttrice Cassia: un percorso di viabilità minore, un diverticolo transitante ad est del lago di Vico a servizio di un territorio rurale non fortemente urbanizzato che, giunto a Viterbo e attraversato il colle del Duomo, scendeva poi in direzione di Porta Faul

OUTLINES ON THE CIMINIA ROAD
S. Francocci - D. Rose
____

A historical and archival analysis and research on the field about a roman layout known as Ciminia or Cimina flanking on the Cassia: a way of less importance, a side-street passing east of Vico lake through a not urbanized rural landscape. This side-street going through Viterbo and the hill of the Cathedral, then descended towards the Faul gate.

 

 
Valuta questa Pagina
stampa