Auditorium
Auditorium di Santa Maria in Gradi

La stagione concertistica 2017/2018 dell'Università degli studi della Tuscia

E' stato pubblicato il cartellone della stagione concertistica dell'anno accademico 2017/2018 dell'Università degli studi della Tuscia. Direttore artistico Franco Carlo Ricci. Gli spettacoli si tengono nell'auditorium di Santa Maria in Gradi, con ingresso in via Sabotino dove è disponibile un ampio parcheggio.

 

I prossimi appuntamenti: 

 

 

 

Sabato 27 gennaio 2018, ore 18
Giuliana Soscia, pianoforte, composizioni, arrangiamenti; Mario Marzi, sassofoni soprano, contralto, baritono

 

Paul Hindemith (Hanau, 1895-Francoforte, 1963): Sonate für Althorn in Es und Klavier (Waldhorn o Alt-Saxophon), I.Ruhig bewegt; II. Lebhaft; III. Sehr langsam; IV. Das Posthorn; Lebhaft
Sergio Cafaro (Roma, 1924-2005): Jazz Suite per Alto Sax e Pianoforte (1985), I. Rag-Time; II. Blues; III. Ritmo a Sette
Astor Piazzolla (Mar del Plata, 1921-Buenos Aires, 1992): Deus Xango, arrangiamento di G. Soscia per sassofono baritono e pianoforte
Giuliana Soscia (Latina, 1967): Contemporary Tango, per sassofono soprano e pianoforte
Ned Rothenberg (Boston, 1956): Maceo, per sassofono baritono
Alban Berg (Vienna, 1885-1935): Sonata op. 1 per pianoforte
Giuliana Soscia: Sonata per luna crescente, per sassofoni baritono, soprano e pianoforte
Phil Woods (Springfield, 1931-East Stroudsburg, 2015): Sonata For Alto Sax and Piano, Dedicated to and composed for Victor Morosco, I.II.III.IV. Tempo

 

Protagonisti di questo concerto sono il sassofonista Mario Marzi, tra i massimi virtuosi di questo strumento a livello internazionale, e Giuliana Soscia in veste di pianista classica e jazz, apprezzatissima compositrice/arrangiatrice, menzionata accanto ai grandi nomi del jazz internazionale, direttrice d’orchestra jazz, considerata dalla critica tra i migliori fisarmonicisti jazz d’Italia.

 

La tematica del concerto è il DUALISMO: “il vecchio” e “il nuovo”, messaggio contenuto nella Sonata per Waldhorn o Alt-Saxophon e pianoforte, composizione unica e poco eseguita, che contiene diversi enigmi e anomalie; “Il classico” e “il jazz” dell’ ironica Jazz Suite del pianista e compositore Sergio Cafaro, maestro di Giuliana Soscia, composizione del 1985 e mai eseguita; “Astor Piazzolla” e “Gerry Mulligan” nell’arrangiamento jazzistico di Giuliana Soscia della composizione intitolata Deus Xango che il bandoneonista argentino ha realizzato in occasione della collaborazione con il jazzista e grande baritonista Gerry Mulligan; “Tango “ e “Jazz” nella composizione di Giuliana Soscia Contemporary Tango; “il sassofono” e “il pianoforte” con due brani solistici, il primo dedicato al sassofono baritono del compositore contemporaneo Ned Rothenberg e il secondo dedicato al pianoforte, unica composizione che Alban Berg dedica a questo strumento; “le due Sonate jazz” chiudono il concerto Sonata per luna crescente di Giuliana Soscia ispirata alla forma sonata classica, nella versione sassofono – pianoforte e la Sonata di Phil Woods, dedicata al famoso sassofonista concertista Victor Morosco.


***


Sabato 3 febbraio 2018, ore 18
“Suoni dal Mondo”: Antonio Menghini, ideatore del progetto e co-autore dei brani; Stefano Pontani, chitarra elettrica ed elettronica; Marco Guidolotti, sassofono

 

La EMusic (Musica ElettroMagnetica) è il frutto di una ricerca scientifico-musicale, condotta da Antonio Menghini (geologo e geofisico) e da Stefano Pontani (musicista), basata su rigorose regole matematiche. Mediante l’utilizzo della tecnica TEM (Elettromagnetismo nel dominio del tempo), da decenni utilizzata per la ricerca di risorse minerarie e idriche in tutto il Mondo, è possibile registrare la risposta del sottosuolo a seguito di un’eccitazione indotta da un campo elettromagnetico. Tale risposta, in forma di decadimento di voltaggio, può essere trasformata in frequenze musicali, cosicché ogni specifica successione stratigrafica è in grado di produrre un “suono” specifico. Questa base può essere poi utilizzata sia come “soundscape”, ovvero come caratterizzazione sonora di un paesaggio, che come punto di partenza per realizzare un concerto e nuove composizioni.

 

Il concerto di EMusic, dal titolo “Suoni dal Mondo”) sarà basato su dati TEM acquisiti in 4 differenti aree del Pianeta (Siberia, Canada, Sierra Leone, nella Piana di Castelluccio – aree terremotate – ed infine nell’area dei Monti Cimini), già proposti a Vienna lo scorso Aprile, ma con l’aggiunta di una composizione inedita, basata su dati geofisici acquisiti sui Monti Cimini. Lo spettacolo sarà accompagnato da video e slide-show.

 

Stefano Pontani, chitarra elettrica ed elettronica; Marco Guidolotti, sax
Antonio Menghini, ideatore del progetto e co-autore dei brani, presidente EMusic Onlus, Geofisico, responsabile della parte scientifica.

 

“Suoni dal Mondo”
Menghini-Pontani-Guidolotti, Sounds from the Fault, Italia
Menghini-Pontani, Halfway River, Canada
Menghini-Pontani, Siberian Kimberlite, Russia
Menghini-Pontani, Flying through an African Greenstone Belt, Sierra Leone: a) Greenstone; b) Granite; c) Gold; d) Aquifer


***

 

Sabato10 febbraio 2018, ore 18
Trio di Lecce: Milena de Magistris, violino; Claudia Fiore, violoncello; Pamela Ivana Panzica, pianoforte

 

Franz Schubert (Vienna, 1797-Vienna, 1828): Trio n. 2 op. 100 (Allegro; Andante con moto; Scherzando – Allegro moderato; Allegro moderato)

Dmitrij Šostakovic (San Pietroburgo, 1906-Mosca, 1975): Trio n. 2 op. 67 (Andante; Allegro con brio; Largo; Allegretto)


***


Sabato 17 febbraio 2018, ore 18
Sandro De Palma, pianoforte; Giampiero Sobrino, clarinetto

 

Programma da definire


***

 


Sabato 24 febbraio 2018, ore 18
Pianista Francesca Bandiera (Vincitrice Premio Sergio Cafaro 2017)

 

Wolfgang Amadeus Mozart (Salisburgo, 1756-Vienna, 1791): Sonata in do maggiore k 309 (Allegro con spirito; Andante poco adagio; Rondò; Allegretto grazioso)
Ludwig van Beethoven (Bonn, 1770-Vienna, 1827): Sonata in la bemolle maggiore op. 26 (Andante con variazioni; Scherzo; Allegro molto; Marcia funebre sulla morte di un eroe; Allegro)
Robert Schumann (Zwickau, 1810-Bonn, 1856): Fantasiestucke op. 12; Des Abends (A sera); Aufschwung (Slancio); Warum? (Perchè?); Grillen (Chimere); In der Nacht (Nella notte); Fabel (Favola); Traumes Wirren (Sogni inquieti); Ende vom Lied (Fine del canto)


***


Sabato 3 marzo 2018, ore 18
Pianista Paolo Restani

 

Franz Liszt (Raiding 1811- Bayreuth 1886): da Douze Études d’exécution transcendante S. 139, n. 9 Ricordanza

Fryderyk Chopin (?elazowa Wola, 1810-Parigi, 1849): Études op. 10 n. 3 in mi magg. (lento, ma non troppo); Étude op. 10 nr. 12 in do min. (allegro con fuoco); Fantasia in fa min. op. 49; Notturno in do diesis min. op. post. (lento con gran espressione); Polacca in la bem. magg. op. 53 “Eroica”

Sergej Rachmaninov (Onega, 1873-Beverly Hills, 1943): 6 Preludi: Preludio op. 32 n. 10 in si min. (lento); Preludio op. 32 n. 12 in sol diesis min. (allegro); Preludio op. 32 n. 1 in do magg. (allegro vivace); Preludio op. 32 n. 5 in sol magg. (moderato); Preludio op. 32 n. 6 in fa min. (allegro appassionato); Preludio op. 3 n. 2 in do diesis min. (lento)

Giuseppe Verdi (Le Roncole, 1813-Milano, 1901)-Franz Liszt (Raiding 1811- Bayreuth 1886): 2 Parafrasi: Aida: Danza sacra e duetto finale S. 436; Rigoletto: Paraphrase de Concert S. 434


***

 

Sabato 10 marzo 2018, ore 18
Pianista Walter Fischetti

 

Maurice Ravel (Ciboure, 1875-Parigi, 1937): Introduction et Allegro (Trascrizione di Lucien Garban)
Due Valses (de L’Enfant et les sortilèges): Danse des rainettes; Danse des libellules et des sphynx (trascrizione di Lucien Garban); Sonatine (Modéré; Mouvement de Menuet; Très animé)
Sergej Rachmaninov (Onega, 1873-Beverly Hills, 1943): Quattro Preludi: Op. 23 n. 4 in re magg.; Op. 23 n. 7 in do min.; Op. 32 n. 5 in sol magg.; Op. 32 n. 11 in sol# min.; Romanza op. 21 n. 7 (Trascrizione di Valter Fischetti); tre momenti musicali: Op. 16 n. 4 in mi min.; Op. 16 n. 3 in si min.
Op. 16 n. 6 in do magg.


***


Sabato 17 marzo 2018, ore 18
Quartetto Werther, vincitore del Premio Sergio Cafaro di Magliano Sabina 2017

 

Antonino Fiumara, pianoforte; Misia Iannoni Sebastianini, violino; Martina Santarone, viola; Simone Chiominto, violoncello

Robert Schumann (Zwickau, 1810-Bonn, 1856): Quartetto per archi e pianoforte in Mib op.47 (Sostenuto assai-Allegro ma non troppo; Scherzo-Molto vivace; Andante cantabile; Finale-Vivace)

Johannes Brahms (Amburgo, 1833-Vienna, 3 aprile 1897): Quartetto per pianoforte e archi in Do minore op.60 (Allegro ma non troppo; Scherzo: Allegro; Andante; Allegro comodo)


***


Sabato 24 marzo 2018, ore 18
Pianista Gianluca Di Donato, IV Concerto dedicato all’esecuzione integrale delle Sonate di Schubert

 

Franz Schubert (Vienna, 1797-Vienna, 1828): Sonata in mi minore D. 566 (Allegro moderato, Allegretto); Sonata in si maggiore D. 575 (Allegro, ma non troppo; Andante; Scherzo. Allegretto; Allegro giusto); Sonata in la maggiore D. 959 (Allegro; Andantino; Scherzo: Allegro vivace; Allegretto)

 


***


Sabato 7 aprile 2018, ore 18
Esecutori e Programma da definire

Concerto in collaborazione con la Scuola Musicale Comunale di Viterbo, attiva da 38 anni. Si potranno ascoltare alcuni tra i migliori suoi allievi delle varie classi di canto e di strumento, in un programma molto vario, dalla musica barocca alla romantica, alla contemporanea ed al jazz.

 


***

 

Sabato 14 aprile 2018, ore 18
Gianluca Giganti, violoncello; Anna Lisa Bellini, pianoforte

 

Sergej Rachmaninov (Onega, 1873-Beverly Hills, 1943): Sonata in sol minore per violoncello e pianoforte, op. 19 (Lento-Allegro moderato; Allegro scherzando; Andante; Allegro mosso)
Claude Debussy (Saint-Germain-en-Laye, 1862-Parigi, 1918): Sonata n. 1 in re minore per violoncello e pianoforte, L 144 (Prologue-Lent. Sostenuto e molto risoluto; Sérénade-Modérément animé; Finale-Aminé. Léger et nerveux)
Dmitrij Šostakovi? (San Pietroburgo, 1906-Mosca, 1975): Sonata per violoncello e pianoforte op.40 (Allegro non troppo; Allegro; Largo; Allegro)


***


Sabato, 21 aprile 2018, ore 18
Quartetto Sheérazade: Michelangelo Carbonara, pianoforte; Giorgio Sasso, violino; Lorenzo Fabiani, viola; Paolo Andriotti, violoncello

 

Wolfgang Amadeus Mozart (Salisburgo, 1756-Vienna, 1791): Quartetto in sol minore KV 478 (Allegro; Andante cantabile; Allegro)
Robert Schumann (Zwickau, 1810-Bonn, 1856): Quartetto in mi bemolle maggiore op. 47 (Sostenuto assai-Allegro ma non troppo; Scherzo; Andante cantabile; Finale)


***


Sabato 5 maggio, ore 18
In collaborazione con Il Teatro della Memoria

 

Lo Specchio d’Amore: musiche, canti e danze fra Cinquecento e Seicento

 

A un ideale convito ove la cultura aulica si colora di elementi popolari s’ispira lo spettacolo in cui schermaglie d’amore fra dame e cavalieri s’intrecciano ai temi della festa, scandita dai canti del bere e da musiche che spaziano fra il tardo Cinquecento e il primo Seicento. Le danze, basate sull’interpretazione dei manuali di danza redatti dai maestri del periodo, sono eseguite in costumi realizzati sulla base delle fonti iconografiche del tempo. Le musiche sono frutto di un’accurata ricerca sulle fonti originali e vengono eseguite su copie fedeli di strumenti d’epoca. I danzatori e i musicisti affiancano la ricerca e un’intensa opera di insegnamento e divulgazione all’attività spettacolare svolta in Italia e all’estero.

 

Musiche: Giandomenico del Giovane da Nola, Andrea Falconieri, Girolamo Frescobaldi, Giovanni Giacomo Gastoldi, Johann Hieronimus Kapsberger, Claudio Monteverdi, Diego Ortiz, Michael Praetorius.

 

Brani coreografici dai trattati di Thoinot Arbeau, Fabrizio Caroso e Cesare Negri.

 

Coordinamento: Claudia Celi e Andrea Toschi

 

Ensemble di musica e danza antica de “Il Teatro della Memoria”: danzatori Francesco Bocchi, Simona Buompadre, Fiorella Cardinale Ciccotti, Claudia Celi, Paolo Di Segni.

 

Musicisti: Serena Bellini, flauto dolce, cornetto; Nando Citarella, canto, chitarra battente, percussioni; Angela Paletta, bombarda; Rosanna Rossoni, canto; Francesco Tomasi, liuto, chitarra barocca; Andrea Toschi, fagotto corista, flauto dolce

 

 

*** ( ) ***


(martedì 26 settembre 2017 - aggiornata lunedì 22 gennaio 2018)


a cura dell'Ufficio relazioni con il pubblico; urp@provincia.vt.it

stampa

comuni della provincia