Via Saffi, 49 01100 VITERBO     |     provinciavt@legalmail.it     |     0761 3131

Incontri al Museo. Quattro conferenze per quattro collezioni dell'Università della Tuscia

Unitus, Sistema museale
Universit? della Tuscia: una sala del Museo di Santa Maria in Gradi

Misure cautelative a tutela della salute pubblica

http://www.unitus.it/it/unitus/news/articolo/urgente-misure-cautelative-a-tutela-della-salute-pubblica-

Il Sistema Museale di Ateneo (Sma) dell’Università degli Studi della Tuscia apre le porte del suo spazio espositivo e organizza tra la fine di gennaio e la metà di aprile un ciclo di conferenze incentrate su alcune delle sue collezioni scientifiche universitarie.

Gli incontri si volgeranno tutti e quattro di venerdì alle ore 17, nell’Aula didattica dello spazio espositivo SMA, presso il Rettorato, nel complesso di Santa Maria in Gradi, 4 a Viterbo.

Le conferenze sono aperte e gratuite.

I prossiimi appuntamenti: 

 

Venerdì 27 marzo ore 17:00 DI EFFIMERE, LIBELLULE, CENTOPIEDI E ALTRE STORIE... -
prof. Romolo Fochetti, Collezione di Invertebrati di acque correnti e del suolo

Venerdì 17 aprile ore 17:00 AGGIUNGI UN'ERBA A TAVOLA, RICONOSCIMENTO DELLE PIANTE SPONTANEE DI INTERESSE ALIMENTARE -
dott.ssa M. Fonck, dott.ssa Sabrina Tempesta e sig. Giorgio Chioccia, Orto Botanico Angelo Rambelli


Il Sistema Museale di Ateneo viene istituito nel 2008. Si articola in musei, collezioni e raccolte collegate ai Dipartimenti o ad altre strutture dell’Università e si propone di sostenere e promuovere la tutela e la valorizzazione del patrimonio architettonico dell'Ateneo e delle sue collezioni storiche, demo-antropologiche, scientifiche e artistiche.

Da luglio 2015 lo Sma si è fatto museo, raccontando le sue collezioni e i suoi musei in un percorso didattico e museale del tutto nuovo, allestito nei locali dell’ex convento di S. Maria in Gradi, oggi sede del Rettorato dell’Università degli Studi della Tuscia.

L’allestimento della mostra è stato pensato per essere, nel suo percorso tra collezioni diverse, nel suo uso di immagini e video, nella commistione tra oggetto reale e virtuale, anche un momento di riflessione sulle attuali tendenze del pensiero scientifico, volte a superare questa divisione tra i vari ambiti che proprio nell’Ateneo della Tuscia, con la forte interdisciplinarità che contraddistingue molte delle sue ricerche e della sua didattica, trova spesso una chiara evidenza in proficui momenti di scambio e integrazione.

*** ( ) ***


(mercoledì 29 gennaio 2020, aggiornamento luned' 3 marzo)


a cura dell'Ufficio relazioni con il pubblico; urp@provincia.vt.it

 

stampa